Primo esperimento in piazza a Ravenna

Una performance silenziosa priva di applausi.

21 volte un sogno attraversa la piazza,  21 volte l’incubo del fallimento striscia sul ventre fragile della città.

Nel mentre, grembo formale, il palazzo cova un confronto.

Passi felpati dipingono l’eclittica. Ciottoli inumiditi dal piovasco. Inconscio meccanico svapa nubi di stelle sul microfono. Nessuno s’accorge ma tutto scorre. Alveo assetato

21 volte nessuno s’accorge, le vie solcate dai sogni sono casuali, finché una traccia lucida non resta alla guida. S’accende un lume. Buio mortale pervade la notte, mentre l’altro emisfero sorride.

 

Qualche geometria si sfiora, bellezza senza clamori, ricordo effimero d’un istante.

La performance procede sulle misteriose ottave, loop pericoloso. Non esistono vere parole per spiegare, solo foto per mendicare. Ego, Mercato e Noia.

Foto ripetitive dilatano l’attesa in punta ghiacciata di piedi.

 

 

piazza popolo remix fuseli moreni samori

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s